Salta al contenuto

OpenCivitas OpenCivitas

 

OpenCivitas è il portale di accesso alle informazioni degli enti locali, un'iniziativa di trasparenza promossa dal Dipartimento delle Finanze e da SOSE.

Il progetto nasce con la Legge 5 maggio 2009 n. 42 in materia di federalismo fiscale e le successive disposizioni attuative emanate, in particolare, con il Decreto Legislativo 26 novembre 2010 n. 216.

Tali disposizioni hanno segnato l'avvio di un processo di riforma che prevede la determinazione dei fabbisogni standard per gli enti locali italiani e ne affidano a SOSE, in collaborazione con altri attori istituzionali (Ifel, ISTAT, etc.) la predisposizione delle metodologie e il calcolo.

Grazie ad OpenCivitas, per la prima volta in Italia, cittadini e amministratori hanno a disposizione uno strumento che permette di:

• CONOSCERE i dati raccolti per la determinazione dei fabbisogni standard

• CONFRONTARE le prestazioni degli enti

• VALUTARE le scelte gestionali degli oltre 6.000 comuni appartenenti alle regioni a statuto ordinario.

 

OpenCivitas è:

TRASPARENZA: per avviare un percorso di apertura e condivisione del patrimonio informativo pubblico nell'ottica di una maggiore trasparenza della Pubblica Amministrazione.

RESPONSABILITÀ: per stimolare la responsabilità degli amministratori locali nella gestione della spesa.

PARTECIPAZIONE: per facilitare il controllo dell'operato dell'amministrazione, favorendo la partecipazione civica.

EFFICIENZA: per individuare le migliori strategie di gestione e di utilizzo delle risorse, per incrementare la capacità di programmazione e migliorare l'efficienza gestionale.

 

Visita il sito www.opencivitas.it

Cosa contiene

Le informazioni che puoi trovare in OpenCivitas sono state rilevate sia attraverso l'invio agli enti di questionari specifici per ogni servizio analizzato, sia da fonti ufficiali (Ministero dell'Interno, ISTAT, MIUR, Agenzia del Territorio, ecc.)

Come funziona

Da OpenCivitas puoi visualizzare un riepilogo dei dati dell'ente analizzato, confrontare il fabbisogno e la spesa storica, conoscere i livelli quantitativi delle prestazioni e consultare gli indicatori statistici di maggior rilievo.