Avviso

Dal 1° gennaio 2024 diventa operativa l'incorporazione di SOSE in Sogei, come previsto dalla legge n.112 del 2023 che ha disposto la fusione della società.

A tal fine tutte le comunicazioni Sose si trovano sul sito Sogei www.sogei.it

immagine

Nuove frontiere sull’utilizzo delle informazioni per fisco, pmi ed enti locali: questo il tema generale dell’evento al quale sono intervenuti rappresentanti del mondo accademico e istituzionale.

I lavori sono stati suddivisi in tre sessioni: finanza pubblica, fisco e servizi e big data analytics.

Durante la prima sessione, introdotta dal Prof. Fabio Fiorillo dell’Università Politenica delle Marche, è intervenuto il Prof. Leonzio Rizzo dell’Università di Ferrara che ha tenuto una relazione sull’utilizzo dei dati per lo studio delle gestioni associate dei comuni italiani. L’intervento si è focalizzato sul caso dell’Emilia Romagna che, con l’introduzione della legge regionale n.10 del 2008 ha registrato un incremento delle Unioni, arrivate a 132 nel 2009. “I risultati indicano – ha spiegato il prof. Rizzo - che essere membro di un’unione di comuni fa diminuire le spese del 4% e questo significa un risparmio di oltre 50 mln di euro. Inoltre, ha aggiunto Rizzo, l’effetto non è uniforme nel tempo ma aumenta fino all’ottavo anno dell’entrata nell’Unione. Infine – ha concluso – il risparmio di spesa non sembra associato alla diminuzione della qualità dei servizi”.

SOSE_WEST_Prof_Fiorillo_Intro_1.pdf

SOSE_WEST_Prof_Rizzo_Finanza_locale.pdf

SOSE_WEST_Prof_Rizzo_Unioni.pdf

Il secondo intervento della sessione dedicata alla finanza pubblica, tenuto dal Prof. Alberto Zanardi dell’Ufficio parlamentare di Bilancio, ha riguardato il sistema di finanziamento dei comuni a quasi 10 anni dalla leggen.42/2009. Il Prof. Zanardi ha parlato delle motivazioni a sostegno del federalismo differenziato come l’efficienza e la redistribuzione delle risorse. “Dal punto di vita della finanza pubblica il federalismo differenziato porta con sé tre riflessioni: la quantificazione delle risorse, la scelta dello strumento con le quali trasferirle e la solidarietà tra le regioni” ha concluso il prof. Zanardi. 

SOSE_WEST_Prof_Zanardi.pdf

Nella prima sessione fisco e servizi, condotta dal Prof. Roberto Rocci, sono intervenuti il Prof. Franco Peracchi e il Prof. Alessandro Santoro.

Il primo intervento “Metodi per l’analisi di dati longitudinali” ha evidenziato le motivazioni e le opportunità derivanti dall’utilizzo dei dati panel anche attraverso esempi tratti dalle analisi di SOSE.  La seconda parte della presentazione si è focalizzata su alcuni aspetti di frontiera nell'ambito dei dati panel e sui modelli non lineari per dati binari o categoriali, metodi per "big data" e "machine learning", e problematiche connesse alle "data infrastructures”.

L’intervento del Prof. Santoro ha riguardato “La compliance fiscale nell’era dei big data: considerazioni sul caso italiano”. “In passato, ha spiegato Santoro, l’approccio tradizionale alla compliance si fondava su pochi dati interni e politiche repressive. Oggi il nuovo rapporto si basa sulla grande disponibilità dei dati e su politiche pre e post dichiarative”. In questo contesto ha citato l’esperienza SOSE e la transizione dagli studi di settore agli ISA (Indici sintetici di affidabilità) che segna il passaggio ad una logica premiale.

SOSE_WEST_Prof_Peracchi.pdf

SOSE_WEST_Prof_Santoro.pdf

I lavori del workshop sono proseguiti con l’intervento del dott. Marco Scarnò, Cineca, all’interno della sessione Big Data Analytics condotta dal Prof. Gianluca Cubadda dell’Università di Tor Vergata.

Attraverso la presentazione di casi di studio, ha definito la sequenza Big Data e Machine learning come un processo capace di ridurre l’incertezza informativa e di offrire un supporto alle decisioni.

SOSE_WEST_Prof_Scarno.pdf

Conclude la giornata la seconda sessione Fisco e servizi con il dott. Carlo Sappino, Direttore generale del MISE, che introduce il Prof. Maurizio Vichi, Università La Sapienza, con un intervento sul tema “Misure di valutazione mediante indicatori compositi”. La valutazione è un sistema complesso che necessità di strumenti idonei che permettano una corretta valutazione del fenomeno oggetto di analisi. È dunque fondamentale esplorare e valutare diversi approcci che, nel rispetto di talune proprietà, forniscano una misura di sintesi per supportare i decision makers.

SOSE_WEST_Prof_Vichi.pdf

La giornata si è conclusa con il saluto di Vieri Ceriani AD SOSE che, oltre a ringraziare i numerosi ospiti intervenuti, ha evidenziato l’importanza di momenti di confronto fra l’amministrazione finanziaria e mondo accademico. Occasioni come questa sono indispensabili per esplorare nuove possibili frontiere metodologiche e tecnologiche e per stimolare lo sviluppo di strumenti sempre più efficienti per una crescita della PA attraverso la condivisione di best practices nazionali ed internazionali.