Avviso

Dal 1° gennaio 2024 diventa operativa l'incorporazione di SOSE in Sogei, come previsto dalla legge n.112 del 2023 che ha disposto la fusione della società.

A tal fine tutte le comunicazioni Sose si trovano sul sito Sogei www.sogei.it

img

E’ stato recentemente pubblicato uno studio dell’Osservatorio sui Conti pubblici dell'Università Cattolica di Milano, conosciuto anche come Osservatorio Cottarelli. L’analisi si basa sul calcolo utilizzato per la determinazione dei fabbisogni standard, progetto che vede SOSE coinvolta fin dal 2010, affiancata da altri partner scientifici come Ifel e Istat. Il progetto è finalizzato al superamento della spesa storica sulla quale si basano attualmente i trasferimenti agli enti territoriali.

I fabbisogni standard stimano statisticamente il fabbisogno finanziario di un ente in base alle caratteristiche territoriali, agli aspetti socio-demografici della popolazione residente e alle caratteristiche strutturali dell’offerta dei servizi. Sono uno strumento utile per determinare una equa distribuzione delle risorse e  valutare l’adeguatezza delle stesse, fornisce al decisore politico un utile strumento di valutazione e supporta nel confronto degli enti al fine di individuare le best practice.

L’approccio metodologico utilizzato viene oggi considerato una best practice relativa alla progettazione dei sistemi di finanziamento dei governi locali e offre un’importante chance per ammodernare e rendere più efficiente la spesa pubblica degli enti locali. L’esperienza italiana dei fabbisogni standard ha portato importanti riconoscimenti a SOSE anche oltre i confini nazionali. SOSE infatti è ormai riconosciuta come un modello di eccellenza a livello europeo e per questo è stata individuata dal Consiglio d’Europa come consulente tecnico dei governi Armeno e Lituano con l’obiettivo di supportare i due Paesi nel miglioramento dei rispettivi meccanismi perequativi.

La nota, ripresa anche da molti media locali e nazionali, basata sulle analisi dell’Osservatorio, presenta una classifica dei comuni delle regioni a statuto ordinario e riprende le informazioni raccolte e pubblicate su www.opencivitas.it da SOSE attraverso i questionari somministrati agli enti locali coinvolti nella determinazione dei fabbisogni standard. Lo scorso 15 maggio sono stati pubblicati sul portale i dati relativi all’annualità 2016 e gli stessi sono stati oggetto di un seminario di approfondimento durante la 30esima edizione del Forum PA.

OpenCivitas è il portale di accesso alle informazioni degli enti locali, un’iniziativa di trasparenza promossa dal Ministero dell'Economia e delle Finanze e dalla SOSE. Per i cittadini è uno strumento di valutazione e controllo delle scelte operate dagli enti.
 Per gli enti locali è uno strumento operativo che aiuta ad individuare le migliori strategie di gestione e utilizzo delle risorse.

Lo studio curato dal ricercatore dell’Osservatorio Alessandro Banfi, riporta i primi risultati oggetto della pubblicazione e riguardano 52 comuni capoluogo di provincia con una popolazione al di sopra degli 80 mila abitanti.

In allegato alcuni degli articoli che riprendono lo studio pubblicato da Repubblica.it