Avviso

Dal 1° gennaio 2024 diventa operativa l'incorporazione di SOSE in Sogei, come previsto dalla legge n.112 del 2023 che ha disposto la fusione della società.

A tal fine tutte le comunicazioni Sose si trovano sul sito Sogei www.sogei.it

Lo sviluppo dell’economia digitale e la produzione di dati che l’alimenta è un fenomeno in forte crescita. Gantz & Reinsel (2012) stimano in un fattore di 300 la crescita del “digital universe” tra il 2005 e il 2020. Oggi sul pianeta siamo in grado di generare in soli due giorni una quantità di dati pari a quanto prodotto nell’intera storia umana sino al 2003 (Leberecht 2015, 14). Congiuntamente alla crescita della mole di dati disponibili si osservano altri due fenomeni paralleli: in primo luogo lo sviluppo delle tecniche di analisi,come il machine learning associato ai big data; in secondo luogo, come evidenziato da Steffen Mau (2019), il processo di datafication porta sempre di più l’attenzione verso la valutazione della performance e dell’efficienza in contesti sociali ed economici tra i più disparati. Questo processo sfocia nella creazione di classifiche e valutazioni comparative, tra cui pratiche comune come il rating dei ristoranti o la misurazione della performance degli istituti scolastici, su scala locale e globale.

SOSE, con le sue attività istituzionali e di ricerca, si inserisce in questo trend in quanto produttrice di dati da un lato e sviluppatrice di modelli per l’analisi delle informazioni dall’altro. I due core business di SOSE ne sono una chiara rappresentazione. La costruzione degli Indicatori Sintetici di Affidabilità (ISA) hanno come obiettivo la creazione di un rating volto misurare e incentivare la compliance fiscale di una fetta rilevante dei contribuenti italiani. La misurazione dei fabbisogni standard degli enti territoriali (FAS) ha portato alla costruzione di indicatori che hanno permesso di ordinare comuni, province e città metropolitane in base a diverse dimensioni, da quella del grado di necessità di risorse per l’erogazione dei trasferimenti statali, alla capacità di gestione delle risorse, al livello di soddisfacimento della domanda potenziale di servizi.

La seconda giornata dell’edizione 2019 del Workshop Economico, Statistico e Tecnologico di SOSE sarà dedicata ad un confronto di opinioni e proposte tra esponenti dell’accademia e delle istituzioni sul ruolo che i dati hanno come supporto all’attività di ricerca e al processo politico decisionale.

La prima parte del seminario si concentrerà sul ruolo che la banca dati dei fabbisogni standard ha avuto e potrà avere in futuro a supporto degli amministratori pubblici e dei ricercatori nel campo della finanza pubblica, considerando la sua diffusione a partire dal 2014 attraverso il portale OpenCivitas che, nel maggio del 2019, ha visto la sesta release. La seconda parte del seminario darà una visione più generale dell’utilizzo dei dati come base per l’attività di ricerca nell’ambito dell’economia e della finanza pubblica. In particolare, verranno proposti due esempi di analisi empiriche nell’ambito della political economy da cui scaturiscono implicazioni di policy di rilievo a supporto delle scelte politiche.

I lavori sono stati introdotti dall’Amministratore Delegato e Direttore Generale di SOSE, Prof. Vincenzo Atella e moderati dal Prof. Leonzio Rizzo dell'Università di Ferrara

Relatori:

Prof. Fabio Fiorillo (Università Politecnica delle Marche)

Dai Fabbisogni standard al controllo di gestione: opportunità informative dalla banca dati OpenCivitas

Prof. Emanuele Padovani (Università di Bologna)

OpenCivitas, Corte dei Conti e CNEL: il controllo della spesa e la misurazione della qualità del servizio

Prof. Alberto Zanardi (Ufficio Parlamentare di Bilancio)

The determinants of the fiscal distress of Italian municipalities: how much is it due to inadequate resources compared to needs?

Prof. Massimo Bordignon (Università Cattolica del Sacro Cuore)

The Electoral tipping point

Prof.ssa Michela Redoano (Università di Warwick)

Social Capital, Voting and Economic Outcomes:evidence from Italy